Ruben Neves juventus

Ruben Neves-Juventus, si può: Mendes spiana la strada

RUBEN NEVES-JUVENTUS- Un matrimonio sfiorato la scorsa estate, ora pronto a rientrare nuovamente nel vivo. Dopo Cancelo e Cristiano Ronaldo, Jorge Mendes sarebbe pronto a portare a Torino un altro portoghese. Si tratta di Ruben Neves, centrocampista attualmente in forza al Wolverhampton e pronto ad aprire le porte ad un suo possibile passaggio in bianconero. Questo ciò che riporta l’odierna edizione di “TuttoSport“. Un affare che potrebbe decollare già da gennaio, ma che la Juventus valuterà con la dovuta calma e riflessione. Il giocatore andrebbe a completare il reparto di metà campo, ultimamente vittima di troppi infortuni e acciacchi continui. La duttilità tattica di Ruben Neves potrebbe permettere ad Allegri di poter contare su una valida alternativa in caso di nuovi e improvvisi ko.

Leggi anche: Paratici sogna Mbappè, ecco perchè si può davvero

Paratici potrebbe decidere di dire sì all’operazione, ma solo dinanzi a costi contenuti ad una vera e totale opportunità. Il messaggio è chiaro, la Juventus non si svenerà. Situazione in completo divenire. Jorge Mendes potrebbe contattare la società bianconera già nelle prossime settimane per abbozzare i primi dettagli sul possibile trasferimento del suo assistito in bianconero.

Ruben Neves-Juventus: ecco da cosa dipenderà davvero

I bianconeri potrebbero decidere di dire sì al possibile trasferimento di Ruben Neves, solamente dinanzi ad un affare irrinunciabile e a costi contenuti. Non solo: Paratici dirà sì alla trattativa solo nel caso in cui le condizioni di Emre Can suscitassero perplessità e incertezza. Qualora l’ex Liverpool dovesse recuperare in maniera totale sotto ogni punto di vista, i bianconeri chiuderebbero le porte ad un nuovo arrivo.

Leggi anche: Todibo, Paratici ha in mente un nuovo piano: i dettagli

Ruben Neves, dal canto suo, sarebbe pronto a dire sì alla vecchia signora. Centrocampista completo, classe 1997 e margini di miglioramento notevoli. Un giocatore che farebbe davvero al caso di Allegri, specie in situazioni di piena emergenza.