matuidi

Formazioni Milan Juventus, sarà 4-3-3: Allegri ritrova Matuidi dal 1′

FORMAZIONI MILAN JUVENTUS- Juventus pronta ad archiviare totalmente la strana e brutta sconfitta ottenuta contro il Manchester United. Bianconeri ordinati, compatti e cinici per circa 80 minuti di gioco, poi il black out finale. Spina staccata totalmente e qualificazione nuovamente in bilico. Cos’è mancato agli uomini di Allegri? La sensazione è che gli ultimi 10 minuti di gara contro lo United siano stati presi leggermente sottogamba. Atteggiamento dettato dalla troppa sicurezza nei propri mezzi, sicurezza che poi ha tagliato le gambe ai bianconeri nel finale di gara. La sfida contro il Milan arriva al momento giusto. La Juve potrà mettere in campo voglia di pronto riscatto dinanzi ad un avversario maturo e ostico.

Leggi anche: Juventus, arriva il nuovo centrocampista: l’affare si chiude a gennaio

A che tipo di gara potremmo assistere? Il Milan, in quest’ultimo periodo, ha evidenziato una crescita esponenziale, sia dal punto di vista della maturità, sia dal punto di vista della qualità e della costanza. Servirà la migliore Juventus per riuscire ad espugnare San Siro, un autentico e proprio fortino rossonero.

Formazioni Milan Juventus: dentro Mandzukic e Matuidi dal 1′

Quali saranno le scelte di Allegri per la delicatissima sfida del Meazza? In porta sarà confermato Szczesny. In difesa largo al ritorno dal 1′ di Cancelo, il quale riprenderà il suo posto sulla corsia di destra. Bonucci e Chiellini saranno confermati al centro, mentre Alex Sandro agirà a sinistra. A centrocampo quasi certa la riconferma di Khedira dal 1′, al suo fianco Pjani e Matuidi, quest’ultimo ormai totalmente recuperato. In attacco spazio al ritorno di Mandzukic, il quale sarà supportato da Dybala e Cristiano Ronaldo.

Leggi anche: Juventus-Milan, attenzione alla situazione infortunio Higuain

Formazioni Milan Juventus

Milan (4-4-2): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Suso, Kessie, Bakayoko, Bonaventura; Cutrone, Higuain. All. Gattuso

Juventus (4-3-3): Szczensy; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Dybala, Mandzukic, Cristiano Ronaldo. All. Allegri


English Version (by google-translate)

Juventus ready to totally archive the strange and ugly defeat against Manchester United. Bianconeri ordered, compact and cynical for about 80 minutes of play, then the final blackout. Fully detached plug and qualification again poised. What is missing to the men of Allegri ? The feeling is that the last 10 minutes of the race against United have been taken slightly underhand. Attitude dictated by too much security in their own means, security that then cut the legs to the bianconeri in the final race. The challenge against Milan comes at the right time. Juventus will be able to field ready for redemption before a mature and difficult opponent.

What kind of competition could we attend? Milan , in the last period, has shown an exponential growth, both from the point of view of maturity, both from the point of view of quality and consistency. It will serve the best Juventus to be able to conquer San Siro, an authentic and Rossonero fort.

Milan Juventus formations: inside Mandzukic and Matuidi from 1 ‘
What will Allegri’s choices be for the delicate challenge of the Meazza? Szczesny will be confirmed in the door. In wide defense on the return from 1 ‘of Cancelo, which will resume its place in the right lane. Bonucci and Chiellini will be confirmed in the middle, while Alex Sandro will act on the left. In midfield almost certain the confirmation of Khedira from 1 ‘, alongside him Pjani and Matuidi, the latter now totally recovered. In space attack on the return of Mandzukic, which will be supported by Dybala and Cristiano Ronaldo.

Milan Juventus starting lineup

Milan (4-4-2): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Suso, Kessie, Bakayoko, Bonaventura; Cutrone, Higuain. All. Gattuso

Juventus (4-3-3) : Szczensy; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Dybala, Mandzukic, Cristiano Ronaldo. All. Allegri