Atalanta Juventus, Pirlo: “Preoccupato per il futuro? Se giochiamo così…”

Andrea Pirlo Juventus allenatore

ATALANTA JUVENTUS – La Juventus perde ancora. I bianconeri sconfitti a Bergamo dall’Atalanta, scivolano al quarto posto in classifica dietro proprio agli uomini di Gasperini.

Pirlo al termine del match ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Ecco il suo commento al match.

Atalanta Juventus, le parole di Pirlo

COS’E’ MANCATO – “Fatta una buona partita, contro una squadra forte. Partita fatta come dovevamo, gli episodi sono andati a loro favore. Partita interpretata bene, con grande intensità. Dispiace, potevamo portare a casa almeno un punto”.

Leggi anche: Pagelle Atalanta Juventus 1-0: Morata inesistente, De Ligt il migliore

DYBALA – “Ha fatto un’ottima gara finché ne ha avuto. Non giocava da tanto tempo. Giocare una gara così fisica… Non aveva i 90 minuti, ma per quanto fatto ha giocato bene”.

RONALDO – “Proprio impossibilitato? Sì. Anche Chiesa ha avuto qualche problema in settimana, pure Danilo. Chi era a disposizione stava meglio. Le possibilità per fare la partita per loro c’erano ugualmente”

DUE SQUADRE – “Abbiamo visto durante la stagione, altrimenti non saremmo qui di questa posizione. Non abbiamo affrontato le stesse partite con intensità e motivazione. In campo vediamo tutt’altra squadra. Durante l’anno non l’abbiamo avuta, abbiamo perso punti per la strada”.

GOVERNARE IL PALLEGGIO – “Sapevamo che sarebbe stata una partita così, l’Atalanta ti porta a fare duelli, uno contro uno, la partita era stata preparata così. Tenuto bene il possesso, in tanti frangenti hanno coperto tutti il campo. Capita che ti portino a fare una partita diversa. Ma su quel profilo non siamo mancati”.

RONALDO – “Non ha fatto per caso 25 gol in stagione. E’ il finalizzatore, all’andata aveva fatto una grande gara, con il pallino in mano nonostante ci fosse anche lui. Qualche azione in cui puoi finalizzare di meno ci sono, ti manca il killer. Le occasioni l’abbiamo avute, non le abbiamo sfruttate”.

PREOCCUPATO – “Dobbiamo pensare a noi stessi, dobbiamo giocare 7 partite, vincendo il più possibile. Se giochiamo con questo spirito, sono convinto che non ci sarà nessun problema”.