Juventus Lazio, Pirlo: “Grandissima reazione. Su Morata e Arthur…”

Andrea Pirlo Juventus allenatore

JUVENTUS LAZIO – La Juventus ribalta e porta a casa una partita importantissima. Grande gara degli uomini di Pirlo che dopo lo svantaggio iniziale dominano il match portando a casa 3 punti fondamentali.

Morata e Chiesa gli uomini copertina di una  Juve che con Ronaldo in panchina, vince e convince. Pirlo al termine del match ha parlato ai microfoni di DAZN.

Juventus Lazio, le parole di Pirlo

Ecco di seguito le sue parole.

Leggi anche: Pagelle Juventus Lazio 3-1: Morata ancora decisivo, Chiesa indemoniato

LA CHIAVE – “Siamo partiti male per un nostro errore in retropassaggio, spalancando le porte al loro gol. Poi però abbiamo disputato un’ottima gara nonostante le assenze. La cosa più bella è stata la reazione di squadra, non ci siamo abbattuti e abbiamo alzato il ritmo. La cosa più importante erano i 3 punti, ho avuto disponibilità da tutti: Danilo a giocare a centrocampo, Bernardeschi da terzino e lo ha nelle sue corde. Federico ha gamba e corsa, e si merita tutti i complimenti! Non ci stavamo a stare sotto in un match così delicato.”

LA CONCENTRAZIONE – “Abbiamo regalato agli avversari i primi 20 minuti, ma un momento di ambientamento ci stava dato che alcuni erano rientranti e altri fuori ruolo. Recuperare una squadra come la Lazio, che gioca insieme da tanti anni e questa settimana non aveva giocato, non è mai facile. Ma abbiamo fatto la nostra partita, ed è stata una partita importante, uno scontro diretto”.

MORATA – “A causa di problemi fisici e di altro tipo non l’abbiamo avuto nell’ultimo periodo, ma ora sta ritrovando la forma migliore. L’abbiamo acquistato quest’estate per le sue caratteristiche, che lo rendono diverso da tutti gli altri attaccanti. Speriamo di averlo al 100%, può dare ancora molto di più”.

KULUSEVSKI – “Sta reagendo da campione, se arrivi a 20 anni nella Juventus hai tante pressioni, non è lo stesso che giocare nel Parma. Qui ogni partita è diversa e ogni passaggio è importante, lui sta dimostrando di essere un grande campione, lo sta diventando nella testa prima che nelle prestazioni, e questo andrà tutto in favore suo”.

ARTHUR – “È l’unico con determinate caratteristiche, ci fa uscire bene il gioco, è sempre lucido anche sotto pressione, quando è in possesso ti dà grande ritmo, con lui si trova sempre una situazione positiva, fa girare i giocatori attorno a lui e si trova sempre nella giusta posizione. Speriamo che possa ritrovare condizione per averlo al massimo martedì”.

VISTA SULLA CHAMPIONS – “Oggi non abbiamo pensato alla partita di martedì, avevamo semplicemente i giocatori contati. Cuadrado veniva da un solo allenamento, lo stesso Arthur solo una mezz’ora ieri. Ci eravamo preparati alla partita di stasera che per noi era come una finale. Anche e soprattutto chi ha giocato in una posizione non sua ha stretto i denti e ha mostrato abnegazione e professionalità”.

COSA TRASMETTERE PER IL PORTO – “Fortunatamente abbiamo due giorni per prepararla e ora devo riposarmi anche io, che sono più stanco di loro. Questa gara sarà fondamentale per il prosieguo della stagione, vale per un obiettivo così importante che non possiamo sbagliarla!”.