calciomercato juventus mbappè

Mbappè-Juventus, così Paratici finanzierà il super colpo: cifre e dettagli

MBAPPè JUVENTUS- La Juventus sogna in grande e continua a monitorare molto attentamente la situazione legata al prossimo futuro di Mbappè. Fabio Paratici, ora come ora, ha definito la potenziale trattativa come un’ipotesi fantasiosa. Un accostamento di mercato che attualmente non trova riscontri ufficiali. Chiaro che la Juventus ha sempre ammesso un aspetto fondamentale, ovvero quello di restare vigili alla finestra in attesa di potenziali opportunità. Un’opportunità che potrebbe concretizzarsi a cavallo della prossima estate qualora il PSG decidesse di mettere sul mercato il giovane attaccante francese. Una mossa che potrebbe far respirare il club parigino dal pressing Uefa sulle questioni de Fair Play Finanziario.

Come potrebbe finanziare il nuovo colpo del secolo la Juventus? Il PSG valuta Mbappè circa 200 milioni di euro. La Juventus potrebbe decidere di sacrificare Dybala, il quale potrebbe essere ceduto o al Manchester City o al Bayern Monaco per circa 120 milioni di euro. Altri 80 milioni potrebbero esser finanziati dal club bianconero grazie all’attuale percorso in Champions League.

Leggi anche: Isco Juventus, ora arriva un’ulteriore conferma

Mbappè Juventus, la conferma di Allegri nei mesi scorsi

Come ricorderete, Andrea Agnelli, nei mesi scorsi aveva affermato la volontà della Juventus di mettere e mani su un nuovo Cristiano Ronaldo, ma stavolta più giovane. Un modo per confermare lo step della squadra bianconera nel calcio europeo.

Tutti gli indizi porterebbero al nome di Mbappè, anche se, ora come ora, l’attaccante francese, come sottolineato da Paratici, resta solamente un’ipotesi e suggestione fantasiosa. Perchè c’è da sperare? Perchè anche l’affare Cristiano Ronaldo, in un primo momento fu definito come “Operazione impossibile”. I prossimi mesi potrebbero svelare ulteriori dettagli, la Juve resta alla finestra.

Juve-Milan, ancora Pistocchi: “Mancano due rossi alla Juventus”

Emerson Palmieri-Juventus, mossa bianconera: sarà mini rivoluzione