Trincao-Juventus, nuovo affare alla CR7: Mendes-Paratici, c’è l’accordo

TRINCAO JUVENTUS- Fabio Paratici ha messo le mani su Francisco Trincao, giovane attaccante dello Sporting Braga. Velocità, classe, tecnica e grande fiuto del gol. Classe 1999 e margini di miglioramento notevoli in vista del futuro. Il direttore bianconero avrebbe già incontrato Mendes a Dubai e sarebbe già arrivato la fumata bianca sull’accordo. La Juventus verserà nelle casse del club portoghese circa 15 milioni di euro, cifra che coinciderebbe con la clausola rescissoria del giocatore. Come evidenziato dalla “Gazzetta dello Sport”, sul giocatore ci sarebbe anche il chiaro interesse dell’Inter, ma la sensazione è che la Juventus si sia già mossa con largo anticipo bruciando la concorrenza italiane ed estera. Gli ottimi rapporti tra Paratici e Mendes potrebbero mettere in totale discese la basi dell’accordo. Anche l’odierna edizione del “Corriere di Torino” conferma il potenziale accordo tra le parti.

Leggi anche: Ramsey Juventus, accordo raggiunto: ecco gli ultimi dettagli

Trincao, dal canto suo, sarebbe entusiasta di vestire bianconero e di scendere in campo e allenarsi con Cristiano Ronaldo, suo idolo.

Trincao Juventus: sarà lui l’erede di Mandzukic

Come detto, Trincao ha dalla sua un’ottima capacità realizzativa abbinata ad un fiuto del gol da autentico bomber. La Juventus pensa in grande, ma soprattutto in ottica futura. Trincao potrebbe rappresentare il futuro erede di Mandzukic, il quale potrebbe decidere di lasciare la Juventus nelle prossime stagione.

Trincao vanta anche un ottimo temperamento, ma dovrà imparare a sacrificarsi anche in fase di ripiego e in fase difensiva. Tuttavia, a differenza di Mandzukic, la sensazione è che Trincao vesta totalmente i panni di un autentico bomber d’aria di rigore. L’attuale attaccante del Braga è considerato uno dei maggiori talenti e prospetti dell’intero panorama calcistico mondiale.

Romero-Juventus, accordo raggiunto: al Genoa anche una contropartita

de gea juventus

De Gea-Juventus, il piano di Paratici: c’è di mezzo anche Szczensy