Covid Lazio, caos tamponi: Immobile in campo senza il permesso dell’Asl

COVID LAZIO – Caos in casa Lazio, Immobile avrebbe giocato la partita contro il Torino senza il permesso dell’Asl. L’ex attaccante del Toro, è stato fermato dal laboratorio Synlab per due volte in una settimana: il 26 ottobre e il 2 novembre (prima delle partite contro Bruges e Zenit in Champions).

Ma la Lazio lo ha fatto scendere in campo contro il Torino il 1 novembre. Tutto questo perchè la Lazio gli ha dato il permesso di tornare in campo.  Grazie al doppio tampone del 30 e del 31 ottobre (elaborato dal laboratorio di Avellino, forte anche del fatto che la positività emersa fosse “debole”.

Covid Lazio, caso Immobile: ha giocato da positivo?

Ma le indicazioni del Cts (e ancor più banalmente la legislazione vigente in materia) non lo permetterebbero: “Nelle nostre linee guida non c’è distinzione tra debolmente positivo e positivo. Se da un tampone molecolare emerge una positività, di qualsiasi livello, il paziente è positivo e va isolato per 10 giorni” ha dichiarato a riguardo Giovannella Baggio, membro del Cts.

Leggi anche: Infortunio De Ligt, giocherà Lazio Juventus? Le condizioni del difensore

Immobile, quindi, per uscire dall’isolamento fiduciario e giocare contro il Torino all’Olimpico avrebbe avuto bisogno di una validazione della propria negatività da parte dell’Asl Roma 1, che secondo quanto riporta Gazzetta non ci sarebbe stata. Ci sarà però contro la Juve? Tare si è detto fiducioso sulla presenza di Ciro Immobile per la gara contro la Juve, perché, a parere della Lazio, il tampone effettuato dal laboratorio di Avellino “è negativo“, nonostante si tratti di un «debolmente positivo», che dunque andava per legge segnalato alla Asl da Lotito. Adesso però Presidenti e Lega Calcio sono furiosi, credono che così possa andare in crisi l’intero sistema speciale impostato per il mondo del calcio. Lotito rischia grosso.

Infortunio De Ligt, giocherà Lazio Juventus? Le condizioni del difensore

Ousmane Dembelè Juventus

Dembelè Juventus, conferme dalla Spagna: assalto nel mercato invernale