Calciopoli, Moggi rivela: “Le schede svizzere? Vi spiego a cosa servivano”

MOGGI RIVELA- In una lunga intervista rilasciata al “Corriere dello Sport”, Luciano Moggi ha sottolineato e spiegato alcuni aspetti di “Calciopoli”, evidenziando alcuni retroscena piuttosto particolari. L’ex direttore generale della Juventus ha così affermato: “Le schede svizzere? Le ho fatte per proteggere il mio lavoro. Io, Stankovic, l’avevo preso per la Juve. Me l’ha soffiato l’Inter con le intercettazioni di Telecom”.

Le schede agli arbitri

Moggi ha proseguito: “Le ho regalate agli arbitri? Sì, ma per altri motivi.Gli inquirenti dissero che erano mute, che non potevano essere intercettate, ma non era così. Solo che si sentivano gli arbitri parlare con le loro amanti e puttane”.

Caso Ronaldo

Juve-Lazio, retroscena Wallace: “CR7? Mi ha regalato la maglia, la incornicerò”

Kean, Raiola incontra la Juve: si fa sotto il Marsiglia